Preskoci do navigacije

Preskoci do vsebine

Occupazione e impiego di persone invalide

Occupazione e impiego di persone invalide

Quota di occupazione delle persone invalide ed incentivi all'occupazione delle persone invalide

Ogni datore di lavoro, persona fisica o giuridica, registrato nella Repubblica di Slovenia, che impiega almeno 20 lavoratori, è tenuto a provvedere a raggiungere una determinata quota di invalidi occupati.

Tale numero consiste in un numero obbligatorio di lavoratori invalidi rispetto al numero complessivo di lavoratori dipendenti presso il datore di lavoro. La quota può essere diversa, ma non può essere inferiore al 2% né superiore al 6% rispetto al numero totale di dipendenti. 

Nel caso in cui il soggetto passivo non impieghi persone invalide, sarà tenuti a versare un contributo al Fondo invalidi presso il Fondo pubblico di garanzia e invalidità della Repubblica di Slovenia.

Nel caso in cui il numero di invalidi occupati fosse superiore al numero richiesto, tale contributo non sarà necessario e sarà possibile ottenere la revoca del pagamento dei contributi previdenziali e di invalidità e/o il premio per il superamento del numero richiesto di invalidi occupati. Questo vale anche per i lavoratori autonomi che risultano invalidi.

In caso di occupazione assistita, è possibile, con i lavoratori invalidi, applicare altri incentivi presso il Fondo della Repubblica di Slovenia per la promozione dell'occupazione delle persone invalide ed il pagamento dei costi dei servizi nell’occupazione assistita. 


Altre forme di assistenza professionale

Per assistenza nell’assunzione di invalidi disoccupati è possibile contattare i consulenti di riabilitazione presso il nostro Ufficio Regionale.

Il consulente di riabilitazione dirige le procedure di riconoscimento dello stato di invalidità e del diritto alla riabilitazione professionale presso la nostra Commissione per la riabilitazione. Gli invalidi che necessitano di riabilitazione professionale possono essere indirizzati anche al servizio di riabilitazione professionale.

Nell’ambito dei servizi di riabilitazione professionale è consentita:

  • l’individuazione di competenze, abilità ed interessi dell’invalido;
  • l’assistenza nella ricerca di un lavoro o impiego idoneo, che comprenda anche lo sviluppo di capacità e competenze sociali;
  • la formazione sul posto di lavoro vero e proprio con accompagnamento e assistenza tecnica;
  • l’analisi del posto di lavoro vero e proprio e dell'ambiente di lavoro dell’invalido;
  • la creazione di un piano di adattamento all'interno del posto di lavoro e dell’ambiente di lavoro, la creazione di un piano relativo all'utilizzo di attrezzature e risorse necessarie per lo svolgimento del lavoro richiesto;
  • la valutazione delle opportunità di lavoro.

Dopo aver completato la riabilitazione professionale, verrà effettuata una valutazione delle opportunità di lavoro. Questa è la valutazione circa il grado di occupabilità dell’invalido con una descrizione dei lavori idonei e di eventuali limitazioni, nonché necessità di utilizzo di servizi di supporto e adattamento nel posto di lavoro. In caso di assistenza e tutela nel corso dell’assunzione e nella non assunzione, in base a tale valutazione, verrà emessa una delibera.

La maggior parte dei quesiti sulla possibilità di impiego di persone invalide, necessità di adattamento nel posto di lavoro o di supporto professionale, possono essere trattati da persona autorizzata, un medico specializzato in medicina del lavoro, traffico e sport.

È possibile rivolgersi anche ad altri esperti o Istituti:

Skip Navigation LinksHomeDatori di lavoroOccupazione e lavoro di invalidi